Ventiquattro anni fa moriva il giudice Paolo Borsellino e cinque uomini della sua scorta. L’attentato, di stampo mafioso, lasciò in vita solo l’agente Antonino Vullo.

attentato borsellino la stampa«La mafia dichiara guerra allo Stato». Il 20 luglio 1992, la Stampa titolò così l’articolo in prima pagina in cui si raccontava dell’autobomba con cui era stato ucciso, a due mesi dall’attentato omicida di Capaci, il giudice Borsellino.

Le iniziative istituzionali

La commissione parlamentare Antimafia ha organizzato una missione in Sicilia per partecipare alle commemorazioni della strage e approfondire con una serie di audizioni nella Prefettura di Palermo le attuali dinamiche interne a Cosa nostra.
In calendario anche il convegno organizzato dall’Associazione Nazionale Magistrati «Nel ricordo di Paolo Borsellino».corriere-19920720-Attentato-a-Paolo-Borsellino

Il ricordo “in piazza”

Numerose le iniziative per ricordare i due magistrati che diedero vita al maxiprocesso che da maggio ad oggi hanno animato presentazioni di libri, proposte di premi, convegni, cerimonie.
Tra le ultime, lo scorso 14 luglio, la serata dedicata a Borsellino e ai cinque agenti della sua scorta organizzata a Piacenza nell’ambito dei “Giovedì d’estate” alla Biblioteca di Strada dell’Infrangibile: proiettato il documentario “19 luglio 1992 – Una strage di Stato”, prodotto dall’associazione Le Agende Rosse con la regia di Marco Canestrari.

Tanti gli appuntamenti previsti nei comuni: Palermo, con la storica fiaccolata, Crotone, Marsala così come Gubbio e Forte dei Marmi, tanto per citarne alcuni.

Raccontaci le iniziative del tuo Comune!


«La lotta alla mafia, il primo problema da risolvere nella nostra terra bellissima e disgraziata, non doveva essere soltanto una distaccata opera di repressione, ma un movimento culturale e morale che coinvolgesse tutti e specialmente le giovani generazioni, le più adatte a sentire subito la bellezza del fresco profumo di libertà che fa rifiutare il puzzo del compromesso morale, dell’indifferenza, della contiguità e quindi della complicità».

(Paolo Borsellino)

Pensi possa interessare qualcun'altro? Post it!
Share

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *