Fino alle 16 del prossimo 3 febbraio è possibile compilare le domande per il riconoscimento del credito d’imposta a favore delle aziende alberghiere attive al 1° gennaio 2012 che abbiano investito sul miglioramento delle proprie strutture.

ricevimento, hotel, alberghiIl bonus alberghi è sul nastro di partenza per il riconoscimento dei crediti relativi alle spese sostenute nel 2015, in relazione al modello Unico 2016. L’agevolazione è stata estesa dalla legge di bilancio 2017 all’anno in corso e al 2018, con un incremento della percentuale del credito (65%) e l’inclusione degli agriturismi tra le attività che possono accedere al credito d’imposta.

Il 4 febbraio, alle ore 10, parte il click day per la trasmissione delle istanze, con una finestra che si chiuderà il 5 febbraio alle ore 16.
Le domande potranno essere presentate esclusivamente per via telematica con l’attestazione dell’effettivo sostenimento della spesa: per procedere è necessario accedere al Portale dei procedimenti attraverso il sito del ministero dei Beni e delle Attività culturali e del Turismo.
La registrazione alla piattaforma, necessaria per l’invio delle richieste, è riservata al titolare rappresentante dell’impresa: la procedura è attivabile entro il 29 gennaio 2017.

Riferimenti normativi
Il credito d’imposta è stato introdotto dall’articolo 10 del Dl n. 83/2014 («Disposizioni urgenti per la tutela del patrimonio culturale, lo sviluppo della cultura e il rilancio del turismo»); il successivo Dm 7 maggio 2015 ha indicato le modalità applicative.

Le spese dichiarabili sono quelle riguardanti ristrutturazioni edilizie, eliminazione delle barriere architettoniche, aumento dell’efficienza energetica. Il 30% dei costi sostenuti nel triennio – e fino a un massimo di 200mila euro – danno vita a un credito utilizzabile in compensazione con modello F24 da presentare tramite i servizi telematici dell’Agenzia delle Entrate.

Pensi possa interessare qualcun'altro? Post it!
Share