Le prestazioni di lavoro occasionale ‘godono’ di una disciplina nuova e ad hoc (in sostituzione dei vecchi ‘voucher’): per questo motivo, l’Inps ha pubblicato un interessante vademecum che riepiloga la procedura di registrazione a PrestO, la piattaforma telematica predisposta sul sito Inps per le prestazioni di lavoro occasionale, e tutti gli adempimenti da rispettare sia da parte dei prestatori che da parte degli utilizzatori.

Accesso alla piattaforma e adempimenti
Punto primo: l’utilizzatore e il prestatore devono registrarsi sulla procedura delle prestazioni occasionali. Viene precisato, tra l’altro, che:

  • essersi registrati in passato sulla vecchia procedura non esonera dalla necessità di registrarsi sulla nuova;
  • registrarsi, ora, sulla vecchia procedura non consente l’utilizzo del CPO – Contratto di prestazione occasionale e del LF-Libretto Famiglia: l’utilizzatore e il prestatore devono pertanto registrarsi sulla procedura delle prestazioni occasionali (non su quella dei voucher);
  • l’utilizzatore deve creare la provvista economica nel cd. portafoglio virtuale tramite F24 o PagoPA;
  • effettuata la registrazione, l’utilizzatore può procedere con l’inserimento delle prestazioni di cui intende usufruire per il Contratto di prestazione occasionale (CPO) o di cui ha usufruito nel caso del Libretto famiglia. Per il CPO, almeno 60 minuti prima della prestazione, l’utilizzatore deve effettuare la dichiarazione, comunicando tutti i dati necessari richiesti dalla legge e recepiti dalla procedura;
  • una volta inserita, la prestazione non può più essere modificata, ma nel caso in cui la prestazione precedentemente inserita non si svolga, l’utilizzatore può revocarla entro il termine tassativo del terzo giorno successivo alla fine della prestazione. Più precisamente, la prestazione può essere revocata entro le 23:59 del terzo giorno successivo alla fine della prestazione (es.: prestazione inserita per i giorni 6/7/8 novembre 2017. Il lavoratore il 7 novembre è malato e non si presenta al lavoro. L’utilizzatore può revocare la prestazione del 7 novembre fino alle 23:59 del 10 novembre).

Attività del prestatore
Il prestatore, nell’arco di tempo di tre giorni dalla data della prestazione, può sempre confermare la prestazione eseguita (è una facoltà, non un obbligo), in analogia con una c.d. timbratura di uscita dal luogo di lavoro, e in tal caso l’utilizzatore non potrà revocare la prestazione.

Inoltre il prestatore, nell’arco di tempo di tre giorni dalla data della prestazione, può confermare la prestazione eseguita anche dopo la revoca da parte dell’utilizzatore, se la prestazione si è realmente svolta.

In allegato, il vademecum dell’Inps sulle prestazioni occasionali.

Pensi possa interessare qualcun'altro? Post it!
Share