La consultazione pubblica, conclusa il 12 gennaio 2017, si chiude con la pubblicazione sul sito dell’Autorità nazionale Anticorruzione delle nuove linee guida sugli obblighi di pubblicazione degli amministratori, dirigenti e posizioni organizzative di cui all’articolo 14, comma 1, lettere c) e f) del Dlgs n. 33/2013.

genealogico, cognome, famiglia, trasparenzaChi e cosa
Per i comuni, le linee guida prevedono la pubblicazione dei seguenti dati in riferimento a sindaco, giunta, consiglio, segretario comunale, dirigenza apicale, dirigenti, posizioni organizzative titolari di funzioni dirigenziali:

  1. l’atto di nomina o di proclamazione, con l’indicazione della durata dell’incarico o del mandato elettivo;
  2. il curriculum;
  3. i compensi di qualsiasi natura connessi all’assunzione della carica; gli importi di viaggi di servizio e missioni pagati con fondi pubblici;
  4. i dati relativi all’assunzione di altre cariche, presso enti pubblici o privati, ed i relativi compensi a qualsiasi titolo corrisposti;
  5. gli altri eventuali incarichi con oneri a carico della finanza pubblica e l’indicazione dei compensi spettanti;
  6. le dichiarazioni di cui all’articolo 2, della legge 5 luglio 1982, n. 441, nonché le attestazioni e dichiarazioni di cui agli articoli 3 e 4 della medesima legge, come modificata dal presente decreto, limitatamente al soggetto, al coniuge non separato e ai parenti entro il secondo grado, ove gli stessi vi consentano. Viene in ogni caso data evidenza al mancato consenso.

Disciplina più moderata per i Comuni con popolazione inferiore ai 15mila abitanti rispetto ai quali la delibera Anac di approvazione delle nuove linee guida prevede l’esclusione della pubblicazione dei dati per i i titolari di incarichi politici, nonché i loro coniugi non separati e parenti entro il secondo grado.

Sanzioni in vista
Il FOIA prevede uno specifico regime sanzionatorio per la violazione di questi obblighi di trasparenza.
Chiamati a rispondere possono essere tanto coloro che non comunicano alcuni dati quanto i responsabili della pubblicazione qualora venga omessa la pubblicazione dei dati.

I dati vanno pubblicati entro tre mesi dalla elezione, dalla nomina o dal conferimento dell’incarico con riguardo anche alle dichiarazioni dei redditi disponibili che poi vanno aggiornate annualmente.

La prima data da mettere in calendario per la pubblicazione dei dati è quella del 30 aprile 2017. Dopo, tutte le dichiarazioni devono risultare pubblicate per tutti non oltre il 31 dicembre di ogni anno.

Pensi possa interessare qualcun'altro? Post it!
Share