Gli elettori italiani che si trovino temporaneamente all’estero possono esprimere il proprio voto in riferimento al referendum di modifica della Costituzione facendo pervenire al Comune la propria opzione.

elezioniChi sono gli optanti
Con il termine optante si indicano tutti quegli elettori italiani temporaneamente all’estero per motivi di lavoro, studio o cure mediche e dei loro familiari conviventi.
Il termine “temporaneamente” si riferisce a un periodo di almeno tre mesi all’interno dei quali ricada la data di svolgimento della consultazione elettorale.

Come votare
Alla luce delle modifiche apportate alla normativa si prevede che il voto per corrispondenza arrivi direttamente al Comune d’iscrizione nelle liste elettorali nei dieci giorni successivi alla data di pubblicazione del decreto dei comizi elettorali, con possibilità di revoca entro lo stesso termine.

È quindi necessario trasmettere, per posta, fax, posta elettronica anche non certificata o facendo consegnare a mano, il plico con la scheda accompagnato dal documento di identità.

Per il referendum costituzionale del 4 dicembre, sono valide le opzioni che arriveranno entro il 2 novembre 2016 (trentaduesimo giorno antecedente la votazione).

Pensi possa interessare qualcun'altro? Post it!
Share